Agua de Valencia

Agua de Valencia

1 872

L’Agua de Valencia è un prodotto tipico della tradizione valenciana, una bevanda le cui radici storiche affondano nel lontano 1959, in un locale dall’atmosfera bohémien attivo ancora oggi, il “Cafè Madrid”.

All’epoca un gruppo di viaggiatori proveniente dai paesi Baschi, clienti abituali del bar, decisero di affidare alla creatività di Constante Gil,  l’ideazione di un nuovo cocktail, stanchi di bere la solita Agua de Bilbao, un vino frizzante tipico della loro terra.

Constante Gil pensò a un cocktail frizzante e singolare, una miscela nuova che potesse soddisfare la richiesta dei suoi clienti.

Fu così che prese del succo d’arancia, champagne, vodka, gin e zucchero e creò un cocktail che lasció meravigliati i viaggiatori. Ben differente dal vino frizzante che erano soliti prendere, chiesero il nome del delizioso cocktail che ormai aveva surclassato la loro “Agua de Bilbao”, ed egli scherzosamente rispose che si trattava della sua “Agua de Valencia”.

Da quel giorno in poi la cultura valenciana si arricchì di una nuova specialità, ormai un’ irrinunciabile conquista.

Locali dove bere l’Agua de Valencia

  • Café Madrid de Valencia
  • Café de la Seu
  • Café de las Horas
  • Café Sant Jaume
  • El Cafetín Valencia

Ingredienti

  • Mezzo litro di succo d’arancia
  • Mezzo litro di vino frizzante (la “cava”) o champagne
  • 60 ml di Gin
  • 60 ml di Vodka
  • Zucchero

PREPARAZIONE:

Versare la spremuta d’arancia in una caraffa, aggiungendo gin e vodka; unire tre cucchiai di zucchero e mescolare.

Proseguire versando, lentamente, il vino frizzante (per evitare che perda le sue proprietá frizzanti) e servire con del ghiaccio.

Si è solito servirlo in una caraffa per poterlo dividere in compagnia e si beve in grandi calici di vetro.

Per dare un tocco di colore, guarnire con delle fette di arancia.

Variabili:

Molti locali valenciani propongono delle varianti del cocktail aggiungendo alla ricetta originaria liquori come il contreau.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR

1 COMENTARIO

Deja un comentario